Cinema d'arte e d'autore. Nativi d'America. Films di guerra e di avventura sui pellirosse.


Gli inesorabili.
di John Huston. Con Burt Lancaster, Audrey Hepburn.
Usa 1960. Durata 120 minuti. Free file.

L'unica figlia di una famiglia di rancheri bianchi Ŕ in realtÓ un'orfanella pellerossa, ma i suoi tre fratelli lo ignorano. Quando la trib¨ dei Kiowa la reclama, esplode il dramma. Uno dei due western di Huston che lavor˛ nelle migliori condizioni possibili. In questa vicenda che capovolge quella di Sentieri selvaggi (1956) di John Ford, anch'esso ispirato a un romanzo di Alan Le May, il tema del razzismo Ŕ affrontato in modo indiretto, ma efficace: non contano tanto il sangue e il colore della pelle quanto le affinitÓ con una civiltÓ. La cultura pesa pi¨ della natura.

Il passar del tempo ha lavorato per il film invece di logorarlo: sono pi¨ evidenti le sue ambizioni di tragedia corneilliana (conflitti tra passioni e doveri); la simbiosi tra uomo e natura. A 54 anni Huston esordisce da regista di western, con un buon film, narrativamente e figurativamente efficace, anche se un po' ambiguo nei confronti del tema centrale dell'opera, che Ŕ il razzismo.

Alla fine, l'affermazione dell'America bianca non pu˛ che passare attraverso lo sterminio dei pellerossa (i Kiowa in questo caso). Espropriati delle loro terre, derubati dei loro figli, uccisi con i fucili. I figli non sono di chi li fa, ma di chi li alleva, sembra voler dire Huston con questo suo film (che ribalta l'assunto del fordiano Sentieri selvaggi), nel quale la cosiddetta civiltÓ yankee trionfa sulla natura e si arroga il diritto di appropriarsi anche del sangue dei nativi e farlo proprio.


scarica questo film per via uTorrent. Immagine ordina i nostri romanzi.

Chiudi la finestra    Vai alla home page