Falco Nero

Esasperato dalla situazione, Falco Nerco cominciò a ricercare alleati per formare la confederazione e trovò dei sostenitori, almeno a parole, tra i Sioux, i Fox, i Kickpapoo, i Potawatomi e i Masquent. Credendo che il suo sogno si stesse materializzando, e forte di 500 guerreri, nell'aprile del 1832 riattraversò il Missisipi per rioccupare le sue terre. Tutta la frontiera fu messa in allarme e il governo inviò nuove truppe. Falco Nero attese invano i rinforzi promessi; a sostenerlo arrivarono soltanto alcuni Fox. Gli indiani non avevano intenti bellicosi, volevano solo piantare e raccogliere il grano, come del resto avevano sempre fatto prima di essere sfrattati, in quanto erano due anni che non facevano provviste.

La situazione precipitò quando degli emissari di Falco Nero, inviati incontro all'esercito per parlamentare, furono barbaramente uccisi. Ne conseguì una ritirata strategica delle truppe indiane, chiamata Guerra di Falco Nero, durante la quale il capo indiano riuscì a guidare il suo popolo attraverso paludi, foreste, praterie e fiumi dal Nord Illinois al Sud Ovest del Wisconsin evitando accuratamente lo scontro con i soldati. Durante la ritirata, l'unico vero alleato dei Sauk fu un'epidemia di colera che colpì il battaglione americano decimandolo. a luglio ci fu il primo scontro con i nemici presso Wisconsin Heights, ma Falco Nero riuscì a sganciarsi e a condurre le sue truppe al di là del fiume.

Le perdite erano limitate da ambo le parti ma la fine della guerra era vicina; il 1°Agosto gli indiani erano arrivati alla confluenza del fiume Bad Axe nel Missisipi. A questo punto essi si trovarono in una situazione drammatica con l'esercito dietro le spalle e una nave a vapore armata che non permetteva il guado. Falco Nero decise di arrendersi e inviò sull'argine 150 guerrieri con una bandiera bianca. Gli americani tuttavia, forse temendo una trappola, reagirono sparando all'impazzata anche su donne e bambini mietendo 200 vittime forse di più.. Falco Nero, con alcuni seguaci, trovò rifugio presso un villaggio Winnebago ma il 27 Agosto decise di arrendersi.

Il capo sauk fu imprigionato con i suoi compagni e forse venne usato dal governo di Washington per costringere Sauk, Fox e Winnebago a cedere altra terra. Ai Sauk di Keokuk che si erano ritirati pacificamente dalla Valle del Rock fu concessa una riserva di 65 km quadrati. Falco Nero fu liberato definitivamente dalla prigionia nel maggio del 1833. Durante il viaggio di ritorno presso la sua gente, gli americani decisero di farlo sfilare per le città ove riscuotè un enorme successo di pubblico: la gente lo accolse esultante vedendo in lui l'ultimo grande guerriero nord occidentale. Il capo sauk fu anche invitato a molti banchetti pubblici ove pronunciò sempre frasi di pace, forse rendendosi conto che oramai combattere gli Stati Uniti era diventato impossibile.

L'ultimo schiaffo a Falco Nero fu dato dalle condizioni poste perchè egli potesse ricongiungersi alla sua gente: il capo di tutti i Sauk sarebbe stato il suo rivale Keokuk e non ci sarebbero più state due tribù ma una sola. Falco Nero morì il 3 ottobre del 1838 nella riserva di Keokuk, nell'ultimo suo discorso a un ballo di gala presso Fort Madison egli ebbe un ultimo accenno di fierezza per quello che aveva rappresentato:

Il Grande Spirito ha voluto che oggi io fossi qui. La terra è nostra madre e ora posso rimirarla. Alcune nevi fa combattei contro il popolo bianco, forse avevo torto, ma è meglio dimenticare. Amo le mie città e i campi di grano sul fiume Rock. Era un paese bellissimo per cui ho combattuto; ma ora è vostro. Conservatelo come hanno fatto i Sauk. Una volta ero un guerriero, ora sono povero. Il motivo della mia condizione attuale è Keokuk, anche se non lo incolpo di nulla. Adoro osservare il Missisipi, lo guardo da quando sono piccolo; amo questo bellissimo fiume, sulle cui rive ho vissuto. Vi ringrazio per la vostra amicizia, non aggiungerò altro.

by autori diversi

Carrello degli acquisti
controlla o modifica
L'arco e la frecciaL'arco e la freccia. Cultura dei nativi americani

Mini libreria on line. Romanzi, libri, fumetti, documentari, film, musica e narrativa specializzata sui Pellirosse. La nostra ricerca nelle vecchie case e nei mercatini è continua quindi può verificarsi il caso che già il giorno successivo alla tua visita siano presenti libri o supporti prima assenti. Molte delle pubblicazioni sono gratuite: di quelle a corrispettivo gli ordini fatti non sono vincolanti, né per noi né per te, fino a che il processo del pagamento sia concluso in via anticipata per mezzo di PayPal.

Promozioni
© copyright by Calomino software - Cookies assenti -