Orso Bianco

Orso Bianco (Satanta), Kiowa, nato a fiume Arkansas nel 1830, morto nel 1878. Oltre alle sue capacità di combattente, Orso Bianco possedeva il dono dell'oratoria il che gli valse il soprannome di oratore degli altopiani. Prontezza e senso dell'umorismo facevano di lui, anche in questo campo, un nemico temibile. Le trattative di pace di Medicine Lodge a cui erano presenti tutti i rappresentanti delle tribù più importanti degli Altopiani del Sud, diedero a Orso Bianco l'opportunità di usare le armi della retorica. Accanto a lui era presente anche Orso Seduto. Il vecchio capo Kiowa fece a tutti i presenti, specie ai rappresentanti della stampa, una grande impressione. Solo una volta, nel corso della riunione, chiese la parola. Stava eretto con i capelli al vento davanti alla commissione di pace, gli occhi fissi sul rappresentante degli Stati Uniti. La sua accusa culminò con la frase:

L'amicizia dell'uomo bianco mi ha reso povero.

Persino giornalisti non ben disposti nei confronti degli indiani parlarono nei loro articoli della forza espressiva e dell'intelligenza di Orso Seduto e posero l'accento sul fatto di essere stati raramente tanto impressionati dalla personalità di un indiano. Al contrario di Orso Seduto, Orso Bianco chiese parecchie volte la parola. Anche l'aspetto esteriore di Orso Bianco era notevole: alto e di corporatura massiccia. I bianchi presenti conoscevano bene l'ascendente che esercitava sugli indiani e sapevano anche quanto potesse essere pericoloso. Solo poco tempo prima, a Fort Dodge, aveva rilasciato degli ostaggi solo dopo il pagamento di un riscatto. Orso Bianco accusò i rappresentanti del governo di non aver tenuto fede agli accordi di Little Arkansas del 1865.

I fucili promessi e le munizioni erano sempre nei magazzini. Di conseguenza chiese la consegna della merce promessa e il pagamento concordato di una somma annuale. Ai membri della commissione questo argomento non era gradito, ma dovettero ammettere che Orso Bianco aveva detto la verità. Quando ad un certo momento, Orso Bianco voleva abbandonare le trattative, Dieci Orsi, l'oratore dei Comanche, prese la parola e criticò la mancanza di decisione dei Kiowa. Ne nacque un vivace diverbio tra Orso Bianco e Dieci Orsi, che si concluse con l'abbandono della conferenza da parte di un Orso Bianco furibondo. I membri della commissione riuscirono a calmare le acque e Orso Bianco prese ancora la parola ed espresse la sfiducia nei confronti dell'agente per gli indiani Leavenworth, responsabile per Kiowa e Comanche, e ne chiese l'allontanamento.

Si alzò ancora Dieci Orsi per difendere Leavenworth, causando così una nuova interruzione. La sfiducia di Orso Bianco per l'agente era giustificata, perché spronava continuamente i militari chiedendo l'arresto dei capi indiani, per far cessare le spedizioni in Texas, che erano però solo la conseguenza del mancato rispetto da parte degli Americani delle decisioni del trattato di Little Arkansas. Già il 7 agosto la commissione aveva deciso di consegnare, dopo la fine delle trattative, la merce di cui si era discusso. Gli attacchi a Leavenworth vennero ignorati, con la scusa del rifiuto degli indiani di cominciare a condurre una vita civilizzata. Orso Bianco rispose così alla proposta degli Americani di assegnare una riserva ai Kiowa e di costruire delle case:

Ho sentito che volete farci trasferire in una riserva vicino alle montagne. Là ci ammaleremmo e moriremmo. Già molto tempo fa questa terra appartenne ai nostri antenati, ma ora se cammino vedo ovunque campi di soldati in riva al fiume. I soldati abbattono i miei alberi e uccidono i miei bisonti e quando vedo queste cose, mi si spezza il cuore.

Per concludere disse:

Prego la commissione di comunicare al Grande Padre ciò che dico. Se non ci sono più bisonti nel nostro paese lo lasceremo. Allora saremo pronti a vivere nelle case.

Alla fine furono nove i capi kiowa che sottoscrissero il trattato di Medicine Lodge, tra cui Orso Seduto, Orso Bianco e Kicking Bird che aveva sempre avuto buoni rapporti con i bianchi. Ai Kiowa veniva garantito un proprio territorio e il diritto di caccia a sud dell'Arkansas, finché vi fossero stati sufficienti bisonti. Dopo l'attacco di Custer al campo di Black Kettle sul Washita, nel dicembre 1868, il generale Sheridan aveva invitato, tra gli altri, anche i Kiowa a consegnarsi. Quando, facendo riferimento agli accordi di Medicine Lodge, fecero resistenza, Sheridan ordinò a Custer, esperto in questo genere di cose, di costringere la tribù recalcitrante ad arrendersi, oppure di distruggerla. Custer partì e si diresse al campo d'inverno dei Kiowa a Rainy Mountain Creek, dove iniziò a trattare con i due capi.

by indianiamericani_altervista.org

Carrello degli acquisti
controlla o modifica
L'arco e la frecciaL'arco e la freccia. Cultura dei nativi americani

Mini libreria on line. Romanzi, libri, fumetti, documentari, film, musica e narrativa specializzata sui Pellirosse. La nostra ricerca nelle vecchie case e nei mercatini è continua quindi può verificarsi il caso che già il giorno successivo alla tua visita siano presenti libri o supporti prima assenti. Molte delle pubblicazioni sono gratuite: di quelle a corrispettivo gli ordini fatti non sono vincolanti, né per noi né per te, fino a che il processo del pagamento sia concluso in via anticipata per mezzo di PayPal.

Promozioni
© copyright by Calomino software - Cookies assenti -