Pontiac

Amareggiato, il capo tolse l'assedio da Detroit e si ritir˛ nei boschi con i suoi fedelissimi. Pontiac non si diede per˛ per vinto. Mise a punto nuovi piani e cerc˛ nuovi alleati. Si rec˛ dai Kickapoo, presso le trib¨ della Confederazione dei Miami e degli Illinois e suscit˛ entusiasmo per la sua causa. Sperava che, nonostante tutto, i francesi non gli avrebbero negato il loro appoggio. Ma il comandante francese di Fort Chartres si rifiut˛ di dargli armi e munizioni e anche i delegati che aveva mandato dai francesi a New Orleans tornarono con una risposta negativa. Il suo piano, strategicamente brillante, per cui le trib¨ della Louisiana avrebbero dovuto bloccare il Mississippi agli inglesi, per ridurre in tal modo le loro possibilitÓ di attacco e di approvvigionamento, non fu compreso. A denti stretti Pontiac dovette accettare l'inevitabile e arrendersi agli inglesi, almeno per guadagnare tempo. Il trattato fu ratificato, il 27 agosto 1764, a Detroit.

Negli anni successivi, Pontiac fu ufficialmente dalla parte degli Inglesi. Amherst fu rilevato come comandante supremo a al suo posto arriv˛ il generale Thomas Gage che seppe apprezzare le capacitÓ, da uomo di stato e strategiche, di Pontiac. Il capo appoggi˛ persino alcune azioni militari inglesi contro trib¨ recalcitranti e ottenne considerazione come capo sia in pace che in guerra. Il suo comportamento esteriore era pacifico, ma faceva sempre nuovi viaggi per cercare nuovi alleati. Avvi˛ trattative con le trib¨ dei Dhegiha, dei Chiwere Sioux e persino con i Pawnee, per farli entusiasmare della sua idea. Nel corso di uno di questi viaggi giunse a Cahokia, vicino a Saint Louis, dove vivevano parecchi indiani della Confederazione di trib¨ dell'Illinois. Pontiac ingiuri˛ quegli indiani che si erano fatti ubriacare da commercianti inglesi senza coscienza, e se ne and˛ pieno di ribrezzo.

Un commerciante inglese di nome Williamson, che temeva per i suoi affari e che vedeva l'uniforme francese di Pontiac come il fumo negli occhi, corruppe un indiano Kaskakia ubriaco, perchÚ togliesse di mezzo l'odiato capo. Per una botticella di acquavite come ricompensa di Giuda, questi si dichiar˛ disposto ad uccidere il capo. Lo seguý furtivamente e quando Pontiac si ferm˛ vicino a un cespuglio e si gir˛, l'assassino gli affond˛ il tomahawk nella fronte. Il grande eroe di guerra cadde a terra, colpito dalla mano di un traditore della sua stessa razza. Quando i suoi amici vollero prendere l'assassino furono cacciati dagli indiani Illinois. Amareggiati per la slealtÓ, gli amici fedeli di Pontiac e i suoi alleati gli Ottawa, i Potawatomi, i Sauk e i Fox, si riunirono e annientarono, quasi totalmente, gli Illinois. Pontiac fu sepolto con gli onori militari. Gli indiani avevano perso uno dei loro pi¨ grandi e geniali uomini di stato.

by indianiamericani_altervista.org

Carrello degli acquisti
controlla o modifica
L'arco e la frecciaL'arco e la freccia. Cultura dei nativi americani

Mini libreria on line. Romanzi, libri, fumetti, documentari, film, musica e narrativa specializzata sui Pellirosse. La nostra ricerca nelle vecchie case e nei mercatini Ŕ continua quindi pu˛ verificarsi il caso che giÓ il giorno successivo alla tua visita siano presenti libri o supporti prima assenti. Molte delle pubblicazioni sono gratuite: di quelle a corrispettivo gli ordini fatti non sono vincolanti, nÚ per noi nÚ per te, fino a che il processo del pagamento sia concluso in via anticipata per mezzo di PayPal.

Promozioni
© copyright by Calomino software - Cookies assenti -