Victorio

La gioia però durò poco perché, nell'agosto del 1878, furono cacciati nuovamente nella riserva di San Carlos. Allora Victorio decise di essere stanco di quell'andirivieni e scomparve in montagna con ottanta guerrieri. In febbraio tornò di nascosto in visita alla sua gente e raccontò di come stessero bene gli apaches liberi e invitò gli altri ad unirsi a lui. Quando gli impiegati americani vennero a sapere della sua presenza si dissero disposti a discutere ma Victorio, più che mai diffidente, scomparve di nuovo. Ricomparve a fine giugno per trattare con l'agente S.A. Russel e chiedere che la sua gente potesse sistemarsi presso i Mescalero e che ricevesse le medesime razioni, ma Russel si mostrò indeciso e volle prima chiedere a Washington. Victorio però, sul cui capo pendeva un'accusa di assassinio nella contea di Grant, divenne molto nervoso quando seppe che un gruppo di uomini, con un giudice e un procuratore, stavano arrivando da Silver City.

Senza por tempo in mezzo chiese di parlare con Russel e lo minacciò di prendersi ciò di cui aveva bisogno senza attendere oltre. L'agente, impaurito, chiamò in soccorso delle truppe da Fort Stanton, per cui Victorio e i suoi scomparvero. Poco prima Victorio era andato a congedarsi dal dottor Blazer, il medico dell'agenzia, e gli aveva confidato di avere paura di restare più a lungo. Lo sconsiderato modo di agire di Russel fu la scintilla che fece esplodere il barile di polvere da sparo. Dopo aver razziato due greggi di pecore, Victorio si spostò a ovest mettendo a ferro e fuoco la regione del Rio Gila. I soldati lo inseguirono, per cui si diresse a Sud Ovest, passò per il New Mexico e attraversò il confine messicano, ma poco dopo rientrò negli Stati Uniti e si unì a un gruppo di Mescalero al comando del capo Cabalero. Dal momento, però, che il 10° Cavalleria e i Texas Ranger erano sulle sue tracce, fuggì di nuovo in Messico con il suo gruppo di guerrieri che nel frattempo era aumentato fino a trecento unità.

Il 4 settembre 1879, comparve inaspettatamente a Warm Springs, dove era stata costruita una postazione militare, e assalì all'improvviso gli otto soldati che custodivano le greggi e nel giro di pochi minuti gli apaches erano scomparsi con un bottino di quarantasei cavalli, lasciandosi alle spalle otto soldati morti. Il comandante della postazione militare tentò disperatamente di inseguire gli apaches, ma ormai si erano volatilizzati. Vi furono molte altre azioni di Victorio di questo tipo e i suoi stratagemmi erano quasi inesauribili. A ottobre, dalle zone del confine messicano partirono venti volontari per una spedizione punitiva contro gli apaches. Quando scorsero sul bordo della strada tre cavalli liberi, si avvicinarono per prenderli ma gli apaches, che erano appostati, aprirono il fuoco e ne uccisero sei prima che i sopravvissuti potessero chiedere aiuto anche se, nel frattempo, gli apaches avevano trovato riparo oltre il confine messicano.

Le audaci imprese di Victorio seminarono il panico nell'agenzia e perciò Russel chiese rinforzi, ottenendo però una risposta negativa che creò seri dissapori tra l'agente e i militari. Si accusarono a vicenda di incapacità nel trattare il problema indiano, un'accusa che del resto era giustificata per entrambe le parti. La situazione è chiarita bene da una lettera del luogotenente G.W. Smith, indirizzata a Russel il 2 dicembre 1879:

L'avevo messa in guardia del pericolo in cui ora Lei si trova e non posso fare altro che ripetere l'avvertimento. Le faccio notare che si può fidare solo di un apache morto. Che Dio le stia vicino, perché è l'unico che può farlo se si fida di un apache vivo.

by indianiamericani_altervista.org

Carrello degli acquisti
controlla o modifica
L'arco e la frecciaL'arco e la freccia. Cultura dei nativi americani

Mini libreria on line. Romanzi, libri, fumetti, documentari, film, musica e narrativa specializzata sui Pellirosse. La nostra ricerca nelle vecchie case e nei mercatini è continua quindi può verificarsi il caso che già il giorno successivo alla tua visita siano presenti libri o supporti prima assenti. Molte delle pubblicazioni sono gratuite: di quelle a corrispettivo gli ordini fatti non sono vincolanti, né per noi né per te, fino a che il processo del pagamento sia concluso in via anticipata per mezzo di PayPal.

Promozioni
© copyright by Calomino software - Cookies assenti -